approfondimenti

28 Giu
04_Casetta_di_Tiara_tabernacolo_vittime_di_guerra_civili
Appennino tosco-romagnolo: civili vittime innocenti dei rastrellamenti nazifascisti

Visualizza di più
28 Giu
Casetta_di_Tiara_l'Otro_01
10 maggio 1944, la tragica morte di otto partigiani a Casetta di Tiara

Visualizza di più
17 Mag
Monumento_monte_Faggiola_targa_trentaseiesima
La 4ª Brigata d’assalto Garibaldi, poi 36ª Garibaldi «Alessandro Bianconcini»

Tra il 1943 e il 1944 gli antifascisti imolesi, in particolare i comunisti, puntarono sulla creazione di formazioni combattenti sull’Appennino imolese, in disaccordo con quanto stabilito dai vertici del Pci di Bologna, che ritenevano la regione inadatta allo sviluppo della Resistenza e che quindi preferirono inviare i futuri partigiani bolognesi sulle Prealpi venete. Il comitato...

Visualizza di più
05 Mag
funerale_livia_venturini_bubano
Donne protagoniste ad Imola, nel bolognese… ed in Germania

Qual è il vero «sesso forte»? Senza scomodare Caterina Sforza, signora di Imola e contessa di Forlì, la quale, a ben vedere, fu imolese solo di adozione, nelle nostre terre le donne hanno dimostrato molte volte carattere e combattività, anche più degli uomini. Le donne di Imola si sono sempre distinte per il loro coraggio...

Visualizza di più
28 Apr
Cogne_reparto_pruduzione_proiettili
Imola, lo sciopero generale del 1° maggio 1944

Il 29 aprile 1944, quale preludio dello sciopero generale nelle fabbriche fissato per il 1° maggio successivo, sulla piazza grande di Imola si svolse una grande manifestazione organizzata dai Gruppi di difesa della donna per reclamare generi alimentari e la fine della guerra (una manifestazione analoga ebbe luogo contemporaneamente anche a Mordano). I militi repubblichini,...

Visualizza di più
28 Apr
funerale_livia_venturini
Maria e Livia, temute anche da morte

L’uccisione di Maria Zanotti e il ferimento di Livia Venturini ad opera dei militi repubblichini il 29 aprile 1944 suscitarono rabbia e risentimento nella popolazione. Per fermare l’ondata di scioperi, i tedeschi imposero lo stadio d’assedio. La stessa sepoltura di Maria Zanotti, avvenuta il giorno dopo, venne tenuta nascosta. «Temendo la folla – racconta lo...

Visualizza di più
26 Apr
Tossignano_bombardata
13 gennaio 1945, Borgo Tossignano in mano partigiana

Nell’inverno del 1944 i partigiani acquartierati sull’Appennino tosco-romagnolo erano ormai centinaia, dislocati un po’ ovunque presso Castel del Rio, lungo la Bordona, da Piancaldoli a Visignano, ansiosi di riprendere le armi e combattere i nazifascisti. E presto venne l’occasione. Verso la fine dell’anno i soldati inglesi che avevano conquistato l’altura di Tossignano, in seguito ad...

Visualizza di più
26 Apr
Tossignano_monumento_andrea_costa_ricostruito
Tossignano, pressoché totalmente distrutto, venne liberato il 13 aprile 1945

Il Comune di Borgo Tossignano anticamente aveva nome Tossignano ed il capoluogo e la sede comunale edificata su uno sperone di gesso. Sorto nel tempo, a valle, l’abitato denominato Borgo, per usufruire delle comodità offerte dal torrente Santerno e dalla strada Montanara, che generò lavoro e commerci, il capoluogo si spostò nella frazione in crescente...

Visualizza di più
07 Apr
Vico_Garbesi_03_mostra
Marina, figlia del partigiano Vico Garbesi

La notte di Pasqua del 2021 moriva Marina Garbesi, giornalista imolese e storica firma del quotidiano la Repubblica, scomparsa all’età di 62 anni a causa di un male incurabile. Il suo percorso giornalistico era iniziato dalla redazione del settimanale sabato sera, dove si occupava di teatro, per poi approdare alla redazione di Bologna del quotidiano...

Visualizza di più
23 Feb
L_albergo_di_Cortecchio
Dante Cassani, il partigiano «Gario», da Bubano a Cortecchio

Visualizza di più